Rimani sempre aggiornato! - Scarica l'App di New Entry!

Farfalle morte

Ho chiuso l’album delle farfalle e l’ho posato nel cassetto. Già, era arrivato il momento. All’aria tutto si secca, si altera, si distrugge. E poi volavano davvero quando io le guardavo? O è tutto frutto della mia immaginazione? Bisogna parlar chiaro. Nella vita reale tutto cambia, giorno per giorno. E i rapporti faticosamente intessuti per sentirsi assieme tendono a disgregarsi per la inevitabile banalità del tempo. Ci troviamo di fronte alla nostra animalità, al bisticcio giornaliero, al cibo, all’umore che cambia, alle rughe che nascono, alla stanchezza… Nella mia inguaribile speranza credevo di aver trovato nel mondo virtuale un luogo dove intessere amicizie eterne, delicati rapporti in profumo d’amore, perché nella scrittura ognuno compone il proprio quadro sublimato, si confessa, apre il proprio intimo e il confronto non è più tra persone, ma tra anime che godono a comunicare il meglio di se. Non crederlo figliolo… è solo il vaneggiamento di un vecchio che insiste nelle sue utopie, e vuol far volare le farfalle dell’album. Sono morte, capisci? Godi la vita fin che puoi, e non perdere un colpo, perché in ogni caso l’amore ha una durata, perché ognuno cambia, tutto gira senza posa, e chi s’illude che un amore possa durare più di un anno, è destinato alla delusione perpetua. E’ solo un elemento nocivo…
Meglio eliminarlo… Ricorda!
Eugen da Sondrio

Condividi

Share on facebook
Share on pinterest
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email