Rimani sempre aggiornato! - Scarica l'App di New Entry!

VENNERO I FREDDI

Vennero i freddi,
con bianchi pennacchi e azzurre spade
spopolarono le contrade.
Il riverbero dei fuochi
splendé calmo nei vetri.
La luna era sugli spogli orti invernali.

(da Fuochi in novembre, 1934)

Poche pennellate, e il poeta parmense Attilio Bertolucci (1911-2000) dipinge un bozzetto delle sue terre d’inverno, quelle pendici d’Appennino dove scorrono il Cinghio e l’Enza, che a maggio si riempiranno del rosso dei papaveri e del verde e giallo delle gaggìe. Ora sono il bianco e l’azzurro a dominare il deserto ghiacciato su cui splende la luna, mentre tutti riposano al caldo dei camini nelle case.
ATTILIO BERTOLUCCI

Condividi

Share on facebook
Share on pinterest
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email