Rimani sempre aggiornato! - Scarica l'App di New Entry!

“TEMPESTA”

Il cielo si pronuncia
e all’imbrunire annuncia,
con tacito consenso,
le nubi grigio intenso
si stringono in un fascio
con gocce di rilascio.

Il vento soffia forte,
fa sbattere le porte,
le piante son distorte
nel verde della corte.

Si sentono dei fischi,
come vecchi giradischi,
poi, un ticchettio più intenso
a creare lo scompenso.

“Scappa! E mettiti al riparo!”
Un gattino corre ignaro
tra le attorcigliate foglie
di un abete e le sue spoglie.

Si rincorrono per strada,
rami secchi e sassolini.
I giochini dei bambini
volan giù per gli scalini.

Chiudo tutti i finestrini,
serro porte ed abbaini,
esco fuori coi calzini
e guardo verso gli appennini.

È in arrivo minacciosa.
Del malocchio ne è la sposa,
è imminente e presuntuosa
e la osservo vittoriosa.
Nella sua funesta ira,
la tempesta già si aggira.
Masnovo Elisa
28 Aprile 2021

Condividi

Share on facebook
Share on pinterest
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email