Rimani sempre aggiornato! - Scarica l'App di New Entry!

PERCHE’ E’ COSI’ ARDUO RAGGIUNGERE LA FELICITA’? (2^ Parte)

La ragione di tutto forse è più semplice di quanto appaia: la felicità non fa per l’uomo! E la causa di ciò potrebbe risiedere nell’innata “contraddizione esistenziale” umana, ben descritta da Socrate nella notoria definizione di “animale sociale”. Secondo una mia personalissima interpretazione del pensiero socratico, difatti, la natura umana è contraddistinta da due forze “uguali e contrapposte”: 1- l’”animalità”, qualità che si ricollega alla natura istintiva, primordiale, emotiva, irrazionale dell’uomo (alla tendenza innata a seguire ciecamente i propri istinti e desideri…); 2- e la “socialità”, qualità che si ricollega alla sua natura razionale, ragionevole, “cogitante” (alla spinta ad uniformarsi ai propri doveri sociali, dettati dalle ragioni di una necessaria convivenza con i propri simili…). Proprio nella perenne contrapposizione tra queste due “spinte interiori” dell’uomo si può rintracciare il principale ostacolo incontrato nella via verso la felicità! Cosa concretamente ci impedisce, quindi, d’esser felici? A farlo sono i “condizionamenti esterni” (legati al mondo delle persone “giudicanti” che ci circonda), i quali ci rendono impossibile essere pienamente “noi stessi”, realizzare compiutamente i nostri più naturali istinti (così finendo col mortificare o spegnere sul nascere i nostri più primordiali desideri). Ciò spinge gli uomini, piuttosto che a realizzare se stessi, a realizzare i desideri che “gli altri” esprimono su di loro, regolando le proprie scelte sulla base delle aspettative altrui. Tutti ricerchiamo la felicità, ma il più delle volte finiamo con l’inseguire “target di felicità” a noi inculcati, a cui siamo stati ben allenati, educati, esortati con sapiente maestria fin dai primi anni dell’infanzia. L’ideale di felicità, così, finisce con l’assomigliare più ad un “pacchetto pubblicitario” preconfezionati dalla società a perfetto uso e consumo di ogni consumatore! L’affermazione universale di una cultura “consumista ed iper-capitalista”, poi, ha finito col creare una “religione laica interclassista” fondata su un unico dogma: quello per cui l’aumento della ricchezza sia sufficiente a garantire un proporzionale aumento della felicità (o quantomeno a non provocarne la diminuzione). Una religione il cui straordinario successo è pari solo alla propria assiomatica “velleità”: quella di credere l’uomo un perfetto consumatore e non anche un essere dotato di sentimenti e capace di emozionarsi! Fondare la felicità sulla ricchezza equivale a costruire un enorme castello di sabbia: come credere che la misura della felicità di un uomo possa dipendere dalla capienza del suo portafoglio? Come immaginare che la felicità possa essere un bene misurabile con unità di misura economiche quali il Pil, il reddito pro-capite o le rendite di capitale?! La vera natura umana -diversamente da un comune bancomat!- si nutre non solo di bisogni materiali ma anche di bisogni squisitamente emozionali! La ricchezza, dunque, può apportare certamente benessere all’uomo modermo ma non offre alcuna “garanzia di felicità”. “La felicità interna lorda è molto più importante del prodotto interno lordo”, ha recentemente sostenuto sul Financial Times il re del piccolo stato del Bhutan, Jigme Singye Wangchuck. Come dargli torto?… Non solo non esiste alcuna equazione matematica del tipo “+ricchezza = +felicità” ma, almeno stando a Richard Easterlin (professore di economia all’Università della California e membro dell’Accademia Nazionale delle Scienze), vi sarebbe tra tali due termini una relazione inversa. Secondo il cd. “Paradosso della felicità” (elaborato proprio da Easterlin nel 1974) la felicità delle persone dipende molto poco dalle variazioni di reddito e ricchezza che si riscontrano nel corso delle loro esistenze. Anzi alcune ricerche avrebbero dimostrato come, quando aumenta il reddito (e quindi il benessere economico), la felicità umana aumenta fino ad un certo punto, per poi cominciare a diminuire, seguendo una curva ad U rovesciata! Può la scienza matematica porsi come oggetto di studio quanto di meno oggettivo e concreto vi sia, quale uno stato d’animo? A parte ogni legittima perplessità in merito, un dato empirico è comunque facilmente verificabile: inseguire i soldi, il benessere, la fama, il successo o il potere ritenendo che “solo” il loro raggiungimento sbarri le porte della felicità vuol dire condannarsi ad essere infelici: le ansie, le paure di fallire e il senso di inadeguatezza che inevitabilmente seguiranno non faranno che allontanarci sempre di più dal nostro desiderato traguardo! Se la “socialità”, quindi, è il primo ostacolo alla nostra felicità, allo stesso tempo non è dato all’uomo altra via che ricercare la felicità in comunione con i propri simili: la felicità, infatti, è l’unico bene che si moltiplica -piuttosto che ridursi- condividendolo con gli altri! Il paradosso conclusivo cui giungiamo, allora, è che: – se, da un lato, l’unico uomo in grado di raggiungere una piena e perpetua felicità sarebbe l’uomo “unico” (nel senso di solo sulla faccia della Terra); – dall’altro lato, un uomo solo, anche se felice, sarebbe condannato all’infelicità! Per questo non possiamo che riporporre il nostro interrogativo iniziale: ma la felicità è davvero alla portata degli uomini? La risposta la lascio ad ognuno di voi, ricordando qui chi una risposta se l’è di certo data: “c’è un unico errore innato, ed è quello di credere che noi esistiamo per esser felici…” (Arthur Schopenhauer).

Condividi

Share on facebook
Share on pinterest
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email