Rimani sempre aggiornato! - Scarica l'App di New Entry!

LA VECCHIA E LA BAMBINA

C’era una volta una vecchia molto povera, viveva vicino al mare e si cibava di quanto l’oceano depositava sulla spiaggia. Una notte, un uragano sollevò onde gigantesche e sradicò le palme. La povera donna pregava affinché la sua capanna resistesse. Per fortuna, il vento cessò e il mattino dopo ritornò il sole. La donna scese sulla spiaggia a raccogliere le conchiglie. Era così assorta nel suo lavoro che non si accorse di un’onda spaventosa che avanzava verso di lei; l’acqua la sommerse e lei si aggrappò disperatamente alla sabbia, per non essere trascinata. Mentre l’onda si ritirava, sentì che le sue mani erano attaccate a qualcosa. “Deve trattarsi di una conchiglia gigante” pensò.
Si trattava invece delle chele di un enorme granchio. La donna tirò con tutte le sue forze e ben presto dissotterrò l’intero granchio. Non le era mai capitato un raccolto simile!
Felice, trascinò l’animale fino alla capanna; notata una fessura al centro dell’animale, con un coltello lo aprì interamente. Con stupore nel ventre del granchio trovò una graziosa bambina! Aveva la pelle lucida come madreperla e lunghi capelli verdi che le coprivano il corpo. La vecchia sollevò la piccola e vide che aveva la coda di pesce al posto dei piedi. Corse da una donna, esperta nei segreti del mare, che, esaminata la strana creatura, dichiarò: “Di certo è figlia di una sirena. Sua madre l’ha nascosta nel ventre del granchio per proteggerla. Deponi la piccola su uno scoglio in riva al mare, nasconditi e aspetta!”.
La vecchia seguì il consiglio e dopo poco si sentì chiamare. Sporgendo la testa dalla roccia dove era nascosta, vide una bella donna con una magnifica capigliatura ornata di perle.
Al posto dei piedi, aveva la coda di pesce. Invitò la vecchia ad avvicinarsi e le raccontò la sua storia. “Una foca malvagia voleva sposarmi, ma io l’ho respinta. Per vendicarsi, ha ucciso mio marito e voleva rapire mia figlia. Per questo, ho nascosto la bambina nel granchio e sono fuggita. Ma la foca mi insegue ancora; ti prego, abbi cura della mia piccola, finché non sia passato il pericolo. Promettimi che quando ci sarà la luna piena, verrai su questa roccia con mia figlia, perché io possa vedere se sta bene. La tua generosità verrà ricompensata!” Detto ciò, sparì tra le onde.
Da quel giorno non si scatenarono più tempeste sull’isola e la vecchia trovò cibo in gran quantità, molto più di quanto fosse necessario a lei e alla bambina. Quando ormai quest’ultima era diventata una giovane donna, sua madre venne a cercarla. La vecchia ne fu rattristata, essendosi affezionata alla ragazza. In seguito, scese spesso sulla spiaggia sperando che la figlia adottiva venisse a trovarla. Un giorno, la ragazza apparve. Piangendo, la vecchia le disse: “Cosa ne sarà di me, sola al mondo? Portami con te”. Così la sirena prese la vecchia per mano e si immerse con lei nelle profondità del mare. I pescatori raccontano che da allora, nelle notti di luna piena, è possibile vedere tre sirene sedute su un banco di sabbia, che scompaiono non appena vedono una barca avvicinarsi.
Valeria

Condividi

Share on facebook
Share on pinterest
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email