Rimani sempre aggiornato! - Scarica l'App di New Entry!

L’amore a Milano: inaspettato

L’amore a Milano bisogna saperlo cercare. Il binomio Milano-grigio è diventato ormai un cliché, per non parlare del tipico commento “Avete solo la nebbia!”. Milano è la città fredda, inospitale, frenetica, fatta di lavoro e persone che camminano in fretta, di macchine che piuttosto che farti attraversare ti mettono sotto, di pioggia e di caos. Nessun innamorato per San Valentino verrebbe in vacanza qui, non siamo a Parigi dove l’amore è nell’aria; qui, per molti, l’unico odore che si sente è quello dei soldi, o dello smog. Milano però non è solo questo, basta scavare un po’ più a fondo, perché dietro la facciata grigia si nasconde di tutto:
L’amore non si respira a pieni polmoni in ogni angolo, ma è piuttosto come il profumo di crostata che ti colpisce quando cammini sotto una finestra aperta: inaspettato e inebriante.
Si trova in briciole sparse per tutta la città, nate come il blues nei campi di cotone, come l’amore di Romeo e Giulietta: in mezzo a un contesto ostile, ma proprio per questo più bello, più speciale. L’esempio più lampante è la Stazione Centrale: a prima vista appare enorme, grigia, piena di gente che corre e si affanna sulle scale, tutto tranne che un luogo romantico. Eppure, se si guarda bene, in mezzo alla folla si scorge una madre che saluta il figlio in partenza, una coppia che si abbraccia dopo lungo tempo, un bimbo che dorme beato nonostante il rumore. Ci si accorge, allora, che anche sotto quella grande cupola metallica si può trovare un pezzetto d’amore, perché a Milano è così, bisogna aggrapparsi a ogni momento, come quando si prende il gelato anche a novembre appena esce un raggio di sole. Ornella Vanoni diceva “Sapessi com’è strano sentirsi innamorati a Milano, senza fiori senza verde, senza cielo senza niente”.   Innamorandosi, a Milano, ci si sente come un faro nella notte, o meglio nella nebbia, che splende ancora più forte quando lo si trova nel verde, in mezzo a Parco Sempione, o in mezzo al cielo del tetto del Duomo. È il gusto dell’attesa che rende speciale amarsi a Milano, cercare il posto giusto per darsi un bacio, oppure rendere ogni luogo il posto giusto per farlo.
Indevica

Condividi

Share on facebook
Share on pinterest
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email