Rimani sempre aggiornato! - Scarica l'App di New Entry!

FARINA BIANCA? NO, GRAZIE!

Grano o frumento, è il nome generico dei cereali appartenenti al genere TRITICUM della famiglia delle Graminacee.

Si tratta di piante spontanee di origini remote, conosciute già al tempo degli antichi egizi.

Della famiglia fanno parte, oltre ad orzo, riso, mais, segale e miglio, anche il grano duro ed il grano tenero. Da questi ultimi due dopo una particolare lavorazione si ricava la “comune” farina. Questo processo avviene attraverso la molitura: per mezzo di particolari macchinari, il chicco del frumento viene raffinato ovvero lavorato ed assottigliato più volte finchè non si trasforma in “polvere”.

I mulini hanno il difetto di impoverire le farine di vitamine e proteine a causa dell’eccessivo grado di raffinazione e del surriscaldamento dovuto all’alta velocità di macinazione.

Il grado di raffinazione distingue le varie tipologie di farina: si parte dalla “00” che è bianchissima ed è la più raffinata e di conseguenza la più povera di sostanze nutritive per passare via via alla 0,1,2 e, infine, all’integrale che è la più ricca di sostanze nutritive. Spesso però, quest’ultima, non è affatto integrale perché si può trovare della farina bianca mescolata a crusca e, anche se viene etichettata come integrale, gli effetti della raffinazione le fanno perdere tutte le componenti: minerali, olii e vitamine. E’ noto che l’abuso di carboidrati raffinati, impoveriti dei componenti equilibranti è una delle concause delle malattie glicemiche, della elevata incidenza di obesità e persino di intolleranze e di celiachia.

Ancora una volta ci rendiamo conto, come per lo zucchero bianco, che anche la maggior parte della farina che troviamo in commercio e che è uno degli elementi che più consumiamo e che dovrebbe servire al nostro organismo per nutrirsi, sia in realtà povera di elementi nutritivi e concausa di disturbi per la nostra alimentazione.

Tutto questo ancora una volta ci deve far riflettere e ci deve sempre di più far stare attenti a cosa mettiamo nel carrello quando andiamo a fare la spesa. Possiamo solo cercare di privilegiare le farine integrali macinate a pietra o ancora meglio, scegliere prodotti alternativi: farina di Kamut, farina di farro, farina di segale, farina di miglio, farina di orzo, farina di mais, farina di spelta, la quinoa, ecc…

Giacomo

Condividi

Share on facebook
Share on pinterest
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email