Rimani sempre aggiornato! - Scarica l'App di New Entry!

“E amò ta tùrnet” / “E ancora torni”

Dedicata a mia sorella Giovanna, che ci ha lasciato improvvisamente 22 anni fa

Ed èco che ta turnet, amó ta turnet,
che fét che fói, quant sa fa séra.
Fatèse sbiaìde, ùs fiaca, ma l’è asé
‘na carèsa lezéra per ricunusìt.
Un sgrìzol, ‘na tremarina al cör.
Strènze strèt chésto sentùr de té
per tignìt arènt a mé stanott, è
cöntatela sö sóta ùs come alura.

Ed ecco che torni, ancora ritorni,
ogni tanto, quando si fa sera.
Lineamenti sbiaditi, voce fioca, ma basta
una carezza leggera per riconoscerti.
Un brivido, un tremore al cuore.
Abbraccio stretto questo sentore di te
per tenerti vicino a me stanotte, e
chiacchierare con te sottovoce come allora
Ornella Olfi

Condividi

Share on facebook
Share on pinterest
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email