Rimani sempre aggiornato! - Scarica l'App di New Entry!

Zio Adolfo, un anno fa

Carissimo zio, è già passato un anno, ma il tuo bonario vocione e la tua poderosa stretta di mano, ancora li sento come sento il grande affetto che nutrivi nei nostri confronti.
L’ultimo saluto non dato è pesantissimo, ma è più pesante il buon esempio che in noi tutti hai lasciato. ì

La genialità che dalla testa trasmettevi alle tue mani in grado di aggiustare qualsiasi cosa esse toccassero, la grande passione per il tuo lavoro, l’amore per la tua famiglia.
Mi mancano moltissimo i battibecchi fra te e la zia, eravate uno spasso, si capiva benissimo che non potevate fare a meno l’uno dell’altra.
Non mi voglio dilungare; un grande abbraccio e mi raccomando: salutami la zia Rina.

To’ neut de Fiess
Giordan
o

Condividi

Share on facebook
Share on pinterest
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email