Rimani sempre aggiornato! - Scarica l'App di New Entry!

VIVERE

Nel 1862, il filosofo Feuerbach scriveva che l’uomo è ciò che mangia: per pensare meglio, deve alimentarsi bene. Se vivesse nella società dei media, Feuerbach aggiungerebbe che, per vivere meglio, dovremmo avere “buone” pubblicità. Ecco allora il mio sogno: vivremmo meglio se, anzichè le solite martellanti pubblicità: “Compra il nuovo cellulare, indossa la maglietta più bella, visita il centro commerciale”, leggessimo per strada messaggi quali: “Condividi un pranzo con chi è povero, sii onesto e sincero, ammira un tramonto, abbraccia la persona che ami, paga le tasse, non svendere il tuo voto, rispetta l’ambiente…” Per superare la crisi, innanzitutto è necessario ristabilire il primato dell’etica sull’economia. Magari, con il conferimento del Nobel a chi riuscirà a spostare l’attenzione dai soldi alla vita. Gesù, prima di essere ucciso, scacciò i mercanti dal tempio. Se oggi non ci liberiamo dalla schiavitù del dio Mercato, non potremo augurarci una buona Risurrezione. Maria D’Asaro

Condividi

Share on facebook
Share on pinterest
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email