Rimani sempre aggiornato! - Scarica l'App di New Entry!

SULLA SPIAGGIA

Nascondo gli occhi, con grandi occhiali scuri, mentre il vento mi schiaffeggia le guance.
Lui è alto e ossuto, ma la sua faccia no, ha gote rosate e paffute, stranamente imberbi. Si inginocchia sulla sabbia, e le onde più lunghe gli bagnano i calzoni, mentre affonda le mani alla ricerca di un tesoro prezioso. Si curva tutto, mentre l’acqua scurisce il non colore dei suoi calzoni sformati. Ogni tanto si avvicina qualcosa al naso, e poi ride, con tutta la faccia. Allora si alza, batte le mani, e sembra una bandiera che sventola.
Ripone i suoi tesori nelle tasche dei calzoni. E a guardarlo bene, ti accorgi che fa attenzione ai movimenti. Che non si perdano, o non si sciupino, i regali che gli ha fatto il mare. Conchiglie sbeccate, cocci di vetro levigati e sassolini lucenti, che una volta asciutti torneranno incolori.
C’è una gioia che fa invidia, nei suoi occhi bambini, ed in ogni suo gesto. Nel suo battere le mani, rivolto verso sconosciuti di passaggio. E non puoi sapere cosa pensa, cosa la sua mente immagina, mentre si cerca nelle mani, una sorpresa.
Cerco di lasciarmelo alle spalle, prima che il sole cali troppo. Non voglio sapere se piangerà, quando sarà ora di lasciare la battigia.

Vanessa

Condividi

Share on facebook
Share on pinterest
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email