Rimani sempre aggiornato! - Scarica l'App di New Entry!

REGOLAMENTO DI CONDOMINIO: ARRIVANO SANZIONI CONCRETE PER CHI NON RISPETTA

A breve il 18 giugno per l’esattezza, entrerà in vigore la legge 220 del 11/12/2012 “Modifica alla disciplina del condominio negli edifici”, ed il legislatore ha pensato bene di aggiornare (finalmente diciamo noi!!)l’importo di 0,05 Euro (le vecchie 100 Lire), previste quali sanzione dalla precedente disciplina, da applicare a tutti i casi in cui il singolo condomino avesse tenuto un comportamento contrario a quanto previsto dal Regolamento Condominiale. Ad oggi il regolamento di Condomio, per i più, rappresentava uno dei tanti documenti che si acquisivano all’atto di compraventita, che poi dopo una breve lettura, si archiviava sugli scaffali, per godersi finalmente la gioia di avere la propria casa e con il desiderio di dire addio a tutta quella burocrazia che aveva accompagnato la fase precedente all’acquisto. Inevitabilmente poi il mancato rispetto delle regole di comune convivenza da parte di qualche condomino, generava l’insorgere di immediati contrasti, volendo facilmente risolvibili con il richiamo al rispetto del regolamento di condominio. Gli stessi Amministratori Condominilai avevano vita dura però a richiamare al rispetto del Regolamento, perchè la mancanza di un sistema sanzionatorio di fatto rendeva inefficace o addirittura nullo il regolamento e innescava una serie di problematiche gestionali come il ricorso all’intervento di un Legale se non a volte anche delle Forze dell’ordine. Finalmente speriamo che questa riforma, abbia gli auspicati effetti deterrenti!! Infatti da giugno, l’infrazione potrà costare al singolo condomino disobbediente, una spesa sino a 200,00 Euro, che aumenta sino a 800,00 Euro in caso di recidiva. L’amministratore di condominio, posto che è tenuto ex lege a curare l’osservanza del regolamento di condominio, non necessita di alcuna previa delibera condominale al fine di attivarsi per far cessare gli abusi  e nelle sue facoltà vi rientra anche di irrogare sanzioni pecuniarie ai condomini responsabili delle violazioni del regolamento ove lo stesso preveda tale possibilità. Altro aspetto importante è che la sanzione puo’ essere applicata solo ai proprietari e non a chi detiene l’immobile a diverso titolo, ovvero ai conduttori i quali sebbene si trovino a godere delle parti comuni dell’edificio in base a un rapporto obbligatorio, rimangono estranei all’organizzazione condominale. Ancora qualche dubbio permane sul fatto se la sanzione possa essere applicata solo se prevista nel regolamento di tipo contrattuale o anche in quello di tipo assembleare, ma con l’entrata in vigore della Legge alcuni dubbi verranno chiariti. La necessità di un aggiornamento dell’entità della sanzione era sentita da tempo in quanto l’esiguità della somma, rendeva sostanzialmente inutile la norma. Personalmente siamo estremamente favorevoli a questa innovazione normativa, e confidiamo che abbia il suo potere preventivo, abbia efficacia maggiore di quello punitivo.
Per ulteriori informazioni e approfondimenti:
studio@offredi.it

Condividi

Share on facebook
Share on pinterest
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email