Rimani sempre aggiornato! - Scarica l'App di New Entry!

Raccontami di te papà

Raccontami di te papà, raccontami di quando eri bambino e abitavi in campagna tra galli, galline e cani fedeli, raccontami di quando andavi a scuola con i tuoi libri stropicciati, riciclati e consumati e la tua merenda era pane e zucchero o un pezzo di crostata di una nonna che non ho mai potuto amare. Raccontami di te papà, dei tuoi anni passati in fretta tra un dare e avere che non ti ha fermato mai, raccontami dei tuoi fratelli, del padre che hai perso presto, della madre che hai amato e che hai baciato troppo poco, raccontami del tuo paesino piccolo piccolo, dove sei cresciuto con pane e amore, dove nessuno era poi così ricco, dove il profumo di sugo e ragù lo si portavi addosso e anche nel cuore. Raccontami di te papà, di come giocavi tra le stradine piccole, fatte di pietra e calce consumata, cosa mangiavi quando nonno non c’era? Quanto grandi son stati i tuoi sogni? Quanto dolore hai portato nel cuore?
Raccontami di voi, del giorno del tuo matrimonio, dell’amore grande della tua vita, del tuo lavoro amato e odiato, della tua voglia di essere padre. E padre sei stato, Figli voluti e accettati comunque, anche quando la crisi era tanta! Tanta da riuscir a soffocare! Raccontami di quando mi hai visto nascere e di quando orgoglioso mi hai portato all’altare, raccontami dei tuoi giorni felici e dimentichiamo insieme i giorni che ci hanno fatto soffrire. Auguri papà, papà per amore, papà coraggio, papà comprensione, papà perdono, papà sorriso, padre che tutto ha donato, anche quando in tasca non aveva che sogni.
Vorrei regalarti il mondo papà, vorrei donarti una cucina tutta tua, tu cucini e noi mangiamo, vorrei regalarti un sogno, fatto di ingredienti e piatti a preparare, ma i sogni non si possono donare! Sogno con te se vuoi, sogno per te e chissà forse se sogniamo insieme qualcuno ci ascolta, qualcuno risponde e se nessuno busserà alla tua porta allora vuol dire che insieme abbiamo fatto qualcosa: abbiamo creduto in sogno che non aveva ali e non poteva volare.
Vorrei anche io un giorno andar via, vivere tra i boschi e tra il profumo di miele, preparare dolci in una vecchia cascina e vederti felice che sorridi ai nostri ospiti! Sogni papà, sogni che leggiadri mettono malinconia, ma la vita mi ha insegnato che nulla è impossibile e che solo la morte può decretare la fine..
Arianna F.

Condividi

Share on facebook
Share on pinterest
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email