Rimani sempre aggiornato! - Scarica l'App di New Entry!

QUARTA E QUINTA MALATTIA

La quarta malattia fa parte delle malattie esantematiche che colpiscono i bambini. Il suo nome deriva dal fatto che le malattie esantematiche erano originariamente classificate con numeri progressivi, in base all’ordine con cui erano scoperte. La quarta malattia è chiamata anche Morbo di Duke, dal nome del medico che per primo ne descrisse la patologia e le caratteristiche. È conosciuta anche come scarlattinetta, perché i sintomi sono del tutto simili a quelli della scarlattina, ma in forma più leggera. Le cause non sono ancora del tutto note; alcune teorie sostengono che sia provocata da un virus, ma l’opinione più diffusa è che la causa sia un batterio e che quindi la quarta malattia sia, a tutti gli effetti, una forma più lieve di scarlattina. Il contagio avviene tramite contatto con i bacilli presenti nella saliva o per via aerea e si contrae prevalentemente in primavera o in estate. La malattia è contagiosa dal periodo di incubazione fino alla comparsa degli esantemi. Il periodo di incubazione della quarta malattia dura all’incira una settimana, passata la quale cominciano a manifestarsi i primi sintomi: febbre non troppo alta, arrossamento della faringe, lievi cefalee, inappetenza, sonnolenza. Come per la scarlattina, i primi esantemi (le eruzioni cutanee) si manifestano dopo qualche giorno e si diffondono in tutto il corpo, ma in quantità più modeste in confronto alla scarlattina. Dopo 4 o 5 giorni le eruzioni cominciano a desquamarsi, secondo il normale processo che porta alla completa guarigione. La quarta malattia può essere curata con un semplice antibiotico e guarisce in circa 10 giorni. LA QUINTA MALATTIA La quinta malattia è conosciuta anche con il nome di eritema infettivo o megaloeritema infettivo. È una malattia esantematica (si presenta, cioè, sotto forma di eritemi, bolle e vesciche) che colpisce soprattutto i bambini dai 3 agli 8 anni. Si chiama quinta malattia perché è la quinta patologia esantematica scoperta in ordine di tempo. La quinta malattia è causata da un virus, il varvovirus B19. Si manifesta in forma molto lieve e non è molto contagiosa. La malattia si manifesta in prevalenza nei mesi invernali o primaverili. Dopo un periodo di incubazione che può variare dai 5 ai 30 giorni, la malattia si rivela con febbre (non molto alta, spesso assente), prurito e, naturalmente, eruzioni cutanee, che ricoprono inizialmente le gambe, le braccia e i glutei, per poi diffondersi, in quantità minori, sul torace e sulla schiena. La malattia comincia a guarire dopo circa una settimana, quando le eruzioni cambiano di colore diventando bluastre. La quinta malattia non necessita di cure specifiche; l’unico accorgimento è quello di non esporre troppo il bambino al sole, perché ritarda la guarigione e, in alcuni casi, può aumentare le macchie.

Condividi

Share on facebook
Share on pinterest
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email