Rimani sempre aggiornato! - Scarica l'App di New Entry!

POLIAMBULATORIO SAN FLAVIANO – IL TUMORE DELLA PROSTATA: L’IMPORTANZA DELLA PREVENZIONE

La prostata è una ghiandola dell’apparato genitale maschile il cui compito principale è quello di contribuire alla produzione del liquido seminale.
Questa ghiandola può essere colpita da diverse patologie come infiammazione, ingrossamento benigno, tumore. Il cancro della prostata è uno dei tumori più diffusi nella popolazione maschile ma nonostante l’incidenza elevata il rischio di mortalità è basso, soprattutto in caso di diagnosi precoce.
Uno dei principali fattori di rischio per il tumore alla prostata è l’età infatti le possibilità di ammalarsi aumentano sensibilmente dopo i 50 anni, circa due tumori su tre vengono diagnosticati in uomini oltre i 65 anni d’età. Altro fattore di rischio è la familiarità, ha più probabilità di ammalarsi chi ha un padre o un fratello con un tumore alla prostata.
Nelle fasi iniziali il tumore della prostata non dà sintomi e viene spesso diagnosticato grazie alla visita urologica di prevenzione unitamente al controllo del PSA con un prelievo del sangue.

Il PSA è un enzima prodotto dalla prostata, se presente nel sangue in quantità elevata fa emergere il sospetto che possa essere presente un tumore.
I sintomi come la difficoltà ad urinare o ad iniziare la minzione, il bisogno di urinare spesso, la sensazione di incompleto svuotamento, la necessità di doversi alzare più volte interrompendo il sonno, il getto debole, sono solitamente dovuti all’ingrossamento benigno della prostata, malattia molto più comune del carcinoma dopo i 50 anni.
Per diagnosticare un tumore della prostata l’urologo può avvalersi della risonanza magnetica multiparametrica (RMN) per decidere se e come sottoporre il paziente a biopsia prostatica per identificare la presenza di cellule tumorali.
Grazie all’utilizzo combinato di RMN e sonda ecografica (tecnica fusion) è possibile effettuare prelievi mirati, in pochi minuti con anestesia, in day hospital. Oggi sono disponibili diversi tipi di trattamento per il tumore della prostata. L’attenta analisi delle caratteristiche del paziente e della malattia permetterà all’urologo di consigliare la terapia più adatta.

Laddove indicata, la prostatectomia radicale (cioè la rimozione dell’intera ghiandola prostatica) può risultare curativa se la malattia è ancora confinata alla prostata. Dal tumore della prostata si può guarire se diagnosticato precocemente e trattato correttamente per questo vi invitiamo a prenotare una visita preventiva con il Dottor Francesco De Luca, in precedenza primario presso l’ospedale Sacco di Milano, ora presente presso i Poliambulatori San Flaviano.

POLIAMBULATORI SAN FLAVIANO
Via Garibaldi 35
25020 Pralboino BS
Tel. 030/954.649
www.poliambulatorisanflaviano.it

Condividi

Share on facebook
Share on pinterest
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email