Rimani sempre aggiornato! - Scarica l'App di New Entry!

PADRE RICCARDO TOBANELLI

Leggo su un periodico locale la breve biografia di un missionario saveriano bresciano, padre Riccardo Tobanelli, mancato prematuramente in maggio a 60 anni. Arrivato in Bangladesh nei primi anni ottanta, ha speso la sua vita in progetti per il recupero degli ultimi, soprattutto bambini abbandonati, costretti a sopravvivere in strada. Progetti sicuramente molto impegnativi da realizzare: una casa dove accoglie i bambini perché abbiano un tetto e possano frequentare quindi la scuola pubblica; un terreno sul quale costruisce una casa dove ospitare bimbi e bimbe; un asilo nido per aiutare le mamme che lavorano; coordina alcune equipes mediche italiane che per diversi mesi all’anno offrono gratuitamente un servizio sanitario qualificato ai più poveri; costruisce un’altra casa famiglia per accogliere una sessantina di bambini; in una città, con l’aiuto di suore infermiere, realizza una struttura ospedaliera e infine crea un’unità mobile pediatrica per soccorrere bimbi che vivono allo sbando in strada. Negli anni questi bimbi, cresciuti e molti di loro sposati, trovando casa sempre grazie a Padre Riccardo che gliel’ha loro donata, sono diventati essi stessi volontari e assistono bambini che vivono nelle stesse condizioni in cui vivevano loro.
Una ruota della carità e dell’amore che continua a girare. Una vita intensa, dunque, quella di questo missionario, spesa al servizio dei più bisognosi, come molti altri preti missionari nel mondo. Di lui, però, quel che mi ha colpito maggiormente è che non ha costruito chiese, né tantomeno ha cercato di convertire nessuno. Ha dato ai più poveri una vita dignitosa, ma li ha sempre incoraggiati a mantenere e professare la propria fede, ricordando che esiste un Dio solo, che è padre di tutti i credenti di qualsiasi religione. Questo è forse l’aspetto più meritevole, l’eredità più grande che ha lasciato: vivere il Vangelo aiutando gli ultimi, ma rispettandoli, amandoli così come sono. Secondo me è una lezione encomiabile.
Cercare infatti di evangelizzare popoli che sono nati e cresciuti con religioni diverse dalla nostra è sbagliato e irrispettoso nei loro confronti: nessun credo è migliore di un altro. L’essenziale è che sia basato sull’amore per il prossimo, sul rispetto, sulla solidarietà.
A maggior ragione chi va in un luogo per fare del bene, deve rispettare la cultura e la religione altrui, semmai confrontarsi e scambiarsi ciò che di buono c’è in ognuna, facendo tesoro del meglio che ogni Credo insegna.
Ornella Olfi

Condividi

Share on facebook
Share on pinterest
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email