Rimani sempre aggiornato! - Scarica l'App di New Entry!

NESSUNA MORALE… QUESTA VOLTA!

C’era una volta una professoressa di liceo, temibilissima per la sua severità, che per sbaglio dimenticò sulla cattedra le fotocopie con le domande e gli esercizi del compito in classe del giorno dopo. C’era una volta una classe incredula e felice per l’inaspettato colpo di fortuna, che si precipitò a fare le fotocopie degli esercizi (a quei tempi non c’erano gli smartphone!).
C’era una volta una ragazzina che amava studiare. Quella ragazzina fu l’unica a rifiutare di vedere le domande il giorno prima. Per questo fu derisa:

  • Ma sei scema!
  • Secchiona!
  • Ma ti pare che non te ne approfitti?? Mica capita tutti i giorni un colpo di fortuna così…
  • E poi è colpa della prof. che ha dimenticato i fogli…. Doveva stare più attenta.
  • Guarda che non facciamo niente di male!
  • Che sarà mai, per una volta sola.
    La ragazzina tornò a casa, un po’ triste e amareggiata, perché non le piaceva quello che aveva visto e sentito. E perché aveva capito che forse per l’educazione ricevuta a casa, forse perché gli imbrogli proprio non le piacevano, in quel momento cominciava inevitabile e irreversibile il suo scivolamento in quella minoranza silenziosa di chi rispetta le regole e non cerca di fregare il prossimo. Quel pomeriggio fece i compiti, come sempre. Studiò, come sempre. Si preparò al compito in classe, come sempre. Il giorno dopo andò a scuola, come sempre. Fece il compito in classe.

A questo punto ci vorrebbe una morale esemplare, del tipo:
• La professoressa, capito perfettamente cosa fosse successo, fece un bellissimo discorso motivante, stile “Attimo fuggente” e tutti giurarono di non farlo mai più.
O più banalmente:
• La professoressa, capito quello che era successo, annullò il compito…
Oppure:
• La ragazzina che amava studiare, anni dopo è diventata un premio Nobel e tutti gli altri sono finiti a spaccare pietre in miniera…
No, niente di tutto questo, nessuna morale, nessuna favola stavolta.

L’indomani la ragazzina prese il voto che meritava, come sempre: un decoroso 7 e fu contenta. Ma quel 7 fu l’unico, in una bizzarra epidemia di 8 e pure qualche eccezionalissimo 9.
A dimostrazione, se mai ce ne fosse bisogno, che troppo spesso chi imbroglia va avanti e viene premiato, a volte a discapito di chi conta solo sulle sue forze, ma comunque continua a camminare come un funambolo scansando e superando le piccole e grandi prepotenze degli altri.
Lo sappiamo benissimo come funziona il mondo, inutile far finta di stupirci. Perché stupirci non serve a niente.
Però, possiamo indignarci. E rifiutare qualunque tipo di comportamento illegale, o semplicemente poco etico, o inopportuno. Ma che sarà mai, stiamo solo parlando di un compito in classe copiato… che esagerazione! O forse no?
La farfalla della gentilezza

Condividi

Share on facebook
Share on pinterest
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email