Rimani sempre aggiornato! - Scarica l'App di New Entry!

LUCIO DALLA

Lucio Dalla (Bologna, 4 marzo 1943 – Montreux, 1º marzo 2012) è stato un cantautore, musicista e attore italiano.
Musicista di formazione jazz, è stato uno dei più innovativi cantautori della musica italiana. Alla ricerca costante di nuovi stimoli e orizzonti, si è addentrato in vari generi musicali, collaborando e duettando con molti artisti di fama nazionale e internazionale.
Autore inizialmente solo delle musiche, si è scoperto in una fase matura anche paroliere e autore dei suoi testi. Nell’arco della sua carriera, che ha raggiunto i cinquant’anni di attività, ha sempre suonato il pianoforte, il sassofono e il clarinetto, strumenti, questi ultimi due, da lui praticati fin da giovanissimo. La sua produzione artistica ha attraversato più fasi: dalla stagione beat alla sperimentazione ritmica e musicale, fino alla canzone d’autore. Autore conosciuto anche all’estero, alcune sue canzoni sono state tradotte e portate al successo in numerose lingue.


4/3/1943
Dice che era un bell’uomo
E veniva, veniva dal mare
Parlava un’altra lingua però sapeva amare
E quel giorno lui prese mia madre
sopra un bel prato
L’ora più dolce
prima d’essere ammazzato
Così lei restò sola nella stanza,
La stanza sul porto, Con l’unico
vestito, ogni giorno più corto
E benchè non sapesse il nome
E neppure il paese
M’aspettò come un dono d’amore
Fino dal primo mese
Compiva sedici anni
Quel giorno la mia mamma
Le strofe di taverna
Le cantò la ninna nanna
E stringendomi al petto che sapeva,
Sapeva di mare, giocava a far la donna
Con il bimbo da fasciare
E forse fu per gioco o forse per amore
Che mi volle chiamare come Nostro Signore. Della sua breve vita il ricordo,
Il ricordo più grosso, è tutto in questo nome, Che io mi porto addosso
E ancora adesso che gioco a carte
E bevo vino, Per la gente del porto
Mi chiamo Gesù Bambino
E ancora adesso che gioco a carte
E bevo vino, Per la gente del porto
Mi chiamo Gesù Bambino
E ancora adesso che gioco a carte
E bevo vino, Per la gente del porto
Mi chiamo Gesù Bambino

Hit Parade del 22 Maggio 1971

1° 4 marzo 1943 – Lucio Dalla
2° Love story – Francis Lai
3° Il cuore è uno zingaro – Nicola Di Bari
4° Sotto le lenzuola – A. Celentano
5° Sing sing Barbara – L. dei Mardi Gras
6° My sweet Lord – George Harrison
7° Che sarà – Jose’ Feliciano
8° Another day – Paul McCartney
9° What is life – George Harrison
10° L’amore è un attimo – Massimo Ranieri

2° POSTO
3°POSTO

Condividi

Share on facebook
Share on pinterest
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email