Rimani sempre aggiornato! - Scarica l'App di New Entry!

La mia supernonna

Il giorno che ci è stata comunicata la tua malattia è stato come perdere 10 anni di vita in un minuto, la prospettiva di vita che davano i medici era di 6 mesi. Non ti sei abbattuta e hai deciso di affrontare al meglio la cosa. Pur non stando per niente bene hai lottato contro la bestia e sei riuscita a tener duro per un anno e mezzo, per me, e per questo ti ringrazio infinitamente. Il tuo desiderio non sono riuscita a realizzarlo, non ho fatto a tempo, scusami, spero di farlo al più presto e so che quel giorno sarai accanto a me, anzi, a noi. Nel corso della tua malattia il tuo aspetto è cambiato in un baleno, a partire dall’enorme perdita di peso fino ad arrivare al colore della tua pelle che oramai era gialla. Scherzosamente per farti strappare un sorriso ti dicevo che assomigliavi a Titti ricordi? E la tua risposta era una risata e ci scherzavi pure tu, a me non interessava, eri sempre la mia bellissima supernonna.
Non volevi più uscire di casa perché appena mettevi i piedi fuori dalla porta tutti ti fissavano sempre a causa del colore della tua pelle, e la tua domanda era sempre quella, ma sono proprio così gialla?  Non mi vergognavo affatto di questo, anzi. Eri bellissima comunque.
E’ passato ormai un anno dalla tua perdita, e sento la tua mancanza sempre più però volevo dirti che sono ORGOGLIOSA e FIERA di te perché hai lottato con coraggio. Ti ringrazio per tutto quello che mi hai insegnato e per quello che ancora mi insegnerai da lassù. Eri la mia supernonna! Grazie mille per tutto, sarò sempre con te.
V.

Condividi

Share on facebook
Share on pinterest
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email