Rimani sempre aggiornato! - Scarica l'App di New Entry!

LA DIETA DELLA PAROLA

La nostra società? Un infinito parlare e lanciare messaggi senza contenuti. Fiumi di parole ci coprono di banalità, di stupidità, di mezze certezze e di bugie. Il vero e il falso sono continuamente mescolati per ragioni politiche, per farsi ascoltare e per interesse. Spesso tutto questo travolge anche i nostri pregiudizi sugli altri, sui destini della società in cui viviamo e sulla nostra immagine del futuro, trasformandoli (per noi) in certezze. Certezze, appunto, riferite agli altri, agli interessi per cui si impegnano e alle ragioni dei loro comportamenti. Questa incessante e libera logorrea mediatica dovrebbe essere lo strumento della nostra libertà. E invece si riduce al racconto di un mondo statico e immobile, nonostante l’apparente dinamicità linguistica e culturale, espressione di una marmellata mediatica cui dobbiamo guardare con sospetto e senso critico. Come difenderci da tutto questo? Forse con il silenzio, con una dieta della parola e dell’informazione falsa nella quale i media tentano di affogarci. In questo senso sarebbe utile un giorno alla settimana in cui essere liberi e indipendenti, capaci di riflettere sul nostro destino e su quello di chi ci sta accanto, sul mondo e su un universo che conosciamo ancora poco. Cosa c’è laggiù, nello spazio costituito da milioni di nebulose e miliardi di stelle che sono la parola di Dio? Sabino Acquaviva Inviato da Grazia Caggiano

Condividi

Share on facebook
Share on pinterest
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email