Rimani sempre aggiornato! - Scarica l'App di New Entry!

LA CADUTA DEI GIGANTI di Ken Follet

La nostra biblioteca, situata a Remedello Sotto in prossimità della scuola dell’infanzia, in piazza Ruzzenenti, vi aspetta con tante altre novità ogni lunedì e giovedì dalle 17 alle 19. Se volete contattarci e verificare la disponibilità dei vostri libri preferiti telefonate al numero 328-1807645. “I libri più letti” 1° La camera segreta di Alberto Bevilacqua 2° La fortuna non esiste di Mario Calabresi 3° L’onda perfetta di Sergio Bambaren “Perché leggerli” LA CADUTA DEI GIGANTI di Ken Follet Ken Follett è nato a Cardiff nel 1949, laureatosi in filosofia all’University College di Londra ha lavorato come giornalista. La sua straordinaria carriera di scrittore inizia nel 1978, con l’exploit di La cruna dell’ago. Anche i successivi romanzi (tutti editi in Italia da Mondadori) hanno ottenuto un successo mondiale: Triplo, Il codice Rebecca, L’uomo di Pietroburgo, Sulle ali delle aquile, Un letto di leoni, I pilastri della terra, Mondo senza fine, Notte sull’acqua, Una fortuna pericolosa, Un luogo chiamato libertà, Il terzo gemello, Il martello dell’Eden, Codice a zero, Le gazze ladre, Il volo del calabrone, Nel bianco, Alta finanza, ecc. ecc. Follett è attualmente sposato con Barbara, deputato del Parlamento nelle file dei laburisti, e vivono tra Londra e Stevenage insieme a una vasta schiera di figli avuti nei matrimoni precedenti. L’autore con questo libro, che è il primo della trilogia “The Century” cambia genere ma non si smentisce, perché la critica e le vendite lo hanno già decretato bestseller in tutto il mondo. Il secondo libro é previsto per il 2012 e narrerà la lotta internazionale e corale contro il fascismo, il terzo racconterà la lotta per il controllo dell’Europa nel dopoguerra ed é previsto per il 2014. In questo romanzo che inizia nel 1911 si racconta la saga di cinque famiglie, una tedesca, una russa, una americana, una gallese ed una inglese, le cui vite si intrecceranno, attraverso due continenti, sullo sfondo dei tragici eventi storici internazionali di quel periodo: la prima guerra mondiale e la rivoluzione russa. La famiglia gallese Williams, è composta dalla madre casalinga, dal padre minatore e sindacalista che lotta per i diritti della categoria e per la sicurezza sul posto di lavoro, dal nonno pensionato e dai due figli: Billy ed Ethel. Billy é tredicenne ed inizia a lavorare in miniera superando le ansie ed i timori di non esserne all’altezza ma dimostrerà d’essere un uomo sia sul lavoro che nel conflitto della prima guerra mondiale dove sarà chiamato a difendere il suo paese. Ethel, diciottenne, vive fuori casa come cameriera presso il palazzo del conte Fitzherbert. La malattia della governante le darà l’opportunità di sostituirla, di dimostrare le sue capacità organizzative e di prenderne il posto; ciò la porterà a frequentare sempre più assiduamente il conte e ne nascerà una romantica storia d’amore che sfocerà nel concepimento di un figlio. Fitz però è sposato con Bea, una cugina dello zar, e, scherzi del destino, rimane gravida anch’essa. Lui per rimediare proporrà ad Ethel un accordo miserevole ed inaccettabile che la costringerà a lasciare il lavoro ed a trasferirsi a Londra per sfuggire allo scandalo e soprattutto per evitare il disonore alla sua famiglia. Qui costruirà il proprio futuro allevando il figlio,facendosi strada nel mondo del lavoro ma soprattutto ( rarità per quei tempi) in politica battendosi per i diritti della donna per la parità con gli uomini. Il conte Fitzherbert, ventotto anni, proprietario terriero e di miniere, avendo ereditato la fortuna accumulata dal nonno, è tra le famiglie più ricche d’Inghilterra. E’ di bell’aspetto, parla bene il francese e se la cava con il russo, é subentrato al padre presso la Camera dei Lord, i ricevimenti nel suo palazzo sono la meta dell’aristocrazia e dell’alta borghesia londinese e la sua aspirazione é quella di diventare segretario di Stato per gli Affari Esteri ma, con l’evento bellico, dovrà mettersi a disposizione del suo governo sia come comandante di truppa per la difesa della patria che come diplomatico per il successivo trattato di pace. Con lui vivono l’affascinante moglie Bea, perfetta padrona di casa, una zia e sua sorella Maud. Maud è una donna elegante, raffinata, colta e dalle idee femministe, grazie alla generosità del fratello, non dovendo mantenersi, può occuparsi delle ragazze madri presso un ambulatorio per non abbienti. Ad un ricevimento conosce Walter von Ulrich, un aristocratico liberale tedesco, addetto militare presso l’ambasciata tedesca a Londra che in realtà è una spia tedesca con il compito di informare il proprio governo sulle strategie inglesi. Tra i due nasce un grande amore che vivono di nascosto dalle rispettive famiglie che, per motivi diversi, non vedono di buon occhio la loro unione. Allo scoppio della guerra, prima che Walter parta per il fronte, si sposano in gran segreto ma dovranno separarsi solo poche ore dopo e negli anni successivi avranno ben poche occasioni di avere notizie l’uno dell’altra e d’incontrarsi. In quegli anni Maud, condividendo gli stessi ideali di Ethel, alla quale è legata da amicizia, fonda un giornale per divulgare le loro idee sulla necessità del diritto di voto e di istruzione delle donne e della parità dei diritti con gli uomini. Durante una riunione in casa del fratello, Maud e Walter fanno la conoscenza di Gus Dewar, giovane assistente del presidente americano Wilson, che con il suo lavoro ha l’opportunità di essere protagonista delle azioni diplomatiche del suo paese per scongiurare (inutilmente) la guerra in Europa. Durante un suo viaggio diplomatico in Inghilterra avrà modo di conoscere il russo Lev Peskov un giovane opportunista, un furfante dedito al gioco truccato ed alle belle donne che in ogni situazione ha un santo in paradiso che lo toglie dai guai e non solo, anche il fratello maggiore Grigorij, da quando sono rimasti orfani, per senso di responsabilità, rimedia alle sue malefatte. Egli è una persona di buonsenso, un operaio meccanico che, costretto ad arruolarsi, sposerà Katerina (la donna segretamente amata che però è innamorata ed incinta del fratello Lev che l’ha abbandonata) affinché abbia diritto all’indennità da parte dell’esercito quale moglie di un soldato; lei, nel tempo, saprà apprezzarlo e scoprirà d’amarlo. Nel 1917, a Pietrogrado, gli scioperi, le proteste contro la guerra ed il razionamento del pane portarono il popolo russo ai disordini che sfociarono nella rivoluzione bolscevica che sovvertì il governo dello zar e Grigorij ne prese parte attiva fino a diventare un delegato del Soviet e………il romanzo continua. Come avete potuto leggere nella trama l’autore ha narrato i drammi personali dei vari protagonisti ma soprattutto, leggendo il libro, vi accorgerete che ha raccontato quel periodo tenendo in considerazione i loro punti di vista estremamente differenti (a secondo della nazione di appartenenza, indipendentemente dal ceto sociale ovvero sia che si trattasse di gente comune o che fossero dei potenti), non tralasciando di descrivere anche le lotte politiche, i grandi mutamenti sociali, la conquista di alcuni diritti civili fondamentali come l’emancipazione femminile in Inghilterra. Complimenti a Ken Follet che ancora una volta riesce a catturare l’interesse del lettore dalle prime pagine del libro fino alle ultime. Gaboardi Angela

Condividi

Share on facebook
Share on pinterest
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email