Rimani sempre aggiornato! - Scarica l'App di New Entry!

L’opere de Misericordia

Avete scritto sul giornale che offrite la possibilità di pubblicare poesie gratuitamente. Io ho raccolto questa che vi invio, forse Don Bruno già la conosce. Sono un sacerdote di una Parrocchia romana.

Abbasterebbe ‘NA PAROLA!
(ovvero: Consolare gli afflitti)

Fra li tanti consiji che ce dà er Padre Eterno
pe’ vive da cristiani e num annà all’inferno,
c’è trovi puro quello de dà un po’ de conforto
a chi drento a ‘sta vita je annata un po’ pe’ storto.
Ce sta chi soffre pe’ corpa d’un malanno,
c’è chi se lagna pe’ er male che je fanno;
ce sta chi piagne perché rimasto solo
da quanno che l’ammichi hanno preso  ‘r volo.
Chi ha perso tutto, la casa, la famija
pensanno ch’er bon Dio de lui cura ‘n se pija.
Quarcuno arriva puro a odià la vita sua
dicenno ar Padre Santo: E’ tutta corpa tua!
Eh, già! Tanti so i guai e quanta sofferenza!
Ma quer che la peggiora è tanta indifferenza!
E puro tra i cristiani, tra chi va sempre in chiesa,
so pochi a esse disposti a offri ‘na mano tesa.
Perciò, quando quarcuno, guardannote ner viso
te chiede ‘n po’ d’aiuto, nu’ je negà ‘n soriso.
A vorte basta poco pe fa trovà la voja
de tirà su la testa e riscoprì la gioia.
Nun te scordà che disse Gesù, là sur Giordano
parlanno a Pietro e all’artri:
“Si vòi esse cristiano
nù riggirà la testa pe’ allontanà er dolore:
so sempre io che soffro e chiedo ‘n po’ d’amore.

Poesia romanesche di Gianni Cannone

Condividi

Share on facebook
Share on pinterest
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email