Rimani sempre aggiornato! - Scarica l'App di New Entry!

IN 10 ANNI DA ZERO ALLA CHAMPIONS

Maggio 2010: l’Atalanta è appena retrocessa in serie B. C’è Coppola in porta, Ferreira Pinto sulla fascia, Manfredini in difesa. Doni è il leader tecnico. L’ambiente è caldissimo: i tifosi spingono perchè la famiglia Ruggeri, proprietaria dell’Atalanta, metta in vendita il club.
Maggio 2019: l’Atalanta è in Champions League. A Reggio Emilia si compie il punto più alto della storia della Dea. La stagione 2019-2020 quindi, vede l’Atalanta impegnata per la prima volta nella sua storia sul più grande palcoscenico calcistico europeo, la Champions League. Il sorteggio inserisce i bergamaschi in un girone che vede come rivali la Dinamo Zagabria, lo Šachtar e il quotato Manchester City di Josep Guardiola. Lo storico debutto nella competizione avviene il 18 settembre 2019 a Zagabria, dove tuttavia l’Atalanta inizia il suo percorso europeo perdendo per 4-0; le due successive gare vedono altrettante sconfitte, la prima di misura a San Siro (campo designato per le sfide europee dei nerazzurri) contro lo Shakhtar, vittorioso 2-1 allo scadere, e l’altra a Manchester, dove i padroni di casa sconfiggono 5-1 ai lombardi. Grazie al pareggio con il City e ai successi con Dinamo e Shakhtar nel girone di ritorno, il club riesce però a ribaltare le sorti della qualificazione e a conquistare l’accesso agli ottavi di finale, prima volta per una squadra che aveva perso le prime tre partite della fase a gironi. I bergamaschi non smettono più di stupire. Grazie a questa clamorosa rimonta accede alla fase a eliminazione diretta che comincia alla grande: 4-1 casalingo al Valencia nell’andata, un risultato più che promettente per il proseguo di questo sogno.
Redazione

Condividi

Share on facebook
Share on pinterest
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email