Rimani sempre aggiornato! - Scarica l'App di New Entry!

Immagina…

Parliamo della donna più bella del mondo, facciamo finta per un momento che non esista internet e che per sapere di chi si tratta siate costretti a leggere quanto segue, ad ascoltare qualcuno che ve lo racconta, e rendiamo giustizia, giacché siamo in tema di riconoscimenti, all’antica arte di raccontare e a quella ben più complicata di saper ascoltare come si faceva una volta quando c’erano più camini e meno telefonini. Ammettiamo anche che ascoltare è più bello di raccontare perché mentre pensiamo a quali parole scegliere ci perdiamo il meglio della nostra storia, ma per ogni cosa purtroppo ci sono tanti lati positivi quanti negativi, ecco un’altra legge inoppugnabile della nostra piccola vita, piccola, badate bene, solo se la mettiamo a confronto con l’eternità che la precede, ma immensa mentre la viviamo, o la descriviamo. Da una carrozza, una contessa ci saluta e ci parla in francese, la qual cosa risveglia nel ventre di chi scrive una certa galanteria placata dalla lontananza dalla propria compagna di vita ma sempre piacevole quando si tratta di apprezzare l’eleganza di una bella signora e ravvivare il suo sorriso come quando si getta acqua pulita su un fiore di geranio. Anche questa è una forma di felicità, bisogna pur ammettere che essere fedeli non ci obbliga a negare un sorriso o un complimento a una persona di una certa età, che, per ragioni diffuse tra gli uomini pigri, non ne riceverebbe alcuno. Dopo un po’ ci voltiamo e vediamo su un cavallo una giovane contadina, della quale non sapremo mai il nome, che ci sorride e, mentre il vento le porta via il cappello, lei si porta via la nostra fantasia sfrenata e senza redini. Quale delle due è la donna più bella del mondo? Quindi, ecco un consiglio che daremmo a chi vuole diffondere la felicità, o vuole mettersi a dieta: regalate il cioccolatino che vi servono con il caffè, diffondete la felicità sulle labbra, annaffiando i sorrisi delle signore come se fossero gerani prima secchi e poi ravvivati e rossi, non sarà un caso che l’amore sia rappresentato nei disegni dei bambini con il colore rosso!

Condividi

Share on facebook
Share on pinterest
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email