Rimani sempre aggiornato! - Scarica l'App di New Entry!

IL NUMERO 40

Già Ippocrate immaginava che 40 giorni fossero un lasso di tempo giusto per ritrovare la salute dopo la malattia. Il numero 40 si incontra spesso anche nella Bibbia, è una cifra simbolica importante. Non è un tempo cronologico reale, ma piuttosto una lunga attesa, una lunga prova, un tempo sufficiente per purificarsi, nel corpo e nello spirito. Questo numero purtroppo è ricomparso prepotente nell’attualità recente, per le molte persone che dall’inizio emergenza covid hanno dovuto stare in quarantena perché venute a contatto con malati o essendo positivi loro stessi al virus, ma pure per tutti noi è una sorta di quarantena da quasi un anno. Non abbiamo potuto vedere parenti ed amici per molto tempo, e ancora non possiamo rivederli tutti, non possiamo muoverci liberamente e dobbiamo portare ancora la mascherina. La lunga attesa che il maledetto virus perda potenza e diffusione, ha rivoluzionato pesantemente la nostra quotidianità. In teoria avrebbe dovuto farci rivalutare le priorità della vita, in primo piano l’importanza degli affetti e la fortuna di essere sani, di poter acquistare beni di prima necessità a sufficienza. La natura, che nel frattempo si è ripresa spazi ed è ritornata a mostrarci cieli, fiumi, laghi e mari nitidi e puliti come non mai, ci ha dimostrato che, se ritorniamo ad uno stile di vita più in sintonia con lei, possiamo vivere tutti meglio, in modo più sano e meglio condiviso con gli altri, pur in una situazione tragica come questa. Eppure, ora che siamo ritornati a dover rispettare altre restrizioni, dopo un breve periodo più tranquillo, purtroppo ci rendiamo conto che in questa lunga quarantena troppe persone non hanno imparato niente: solidarietà mutata presto in indifferenza (in primis da uno stato che non ha mantenuto le promesse di aiuti e organizzazione della seconda ondata di covid); spesso il nervosismo si trasforma in comportamenti, specialmente sui social, di una cattiveria inaudita; mascherine e immondizia di ogni genere gettata in riva ai fossi e ai fiumi, poco rispetto delle regole che, anche se non condivise, sono valide per tutti, perlomeno quando ci si trova a contatto con altre persone. Per fortuna abbiamo avuto moltissimi esempi di solidarietà da volontari privati e associazioni, (Alpini e Protezione Civile in primo piano) anche tra i giovani, che ci fanno ben sperare!

Ornella Olfi

Condividi

Share on facebook
Share on pinterest
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email