Rimani sempre aggiornato! - Scarica l'App di New Entry!

I NUOVI BARBARI

Sono sempre più convinto che abbiamo smarrito il confine di dove comincia il bene e dove finisce il male.
E se prima lo si poteva notare nella vita reale di tutti i giorni, oggi lo si vede ancor più marcato nell’web dove la stupidità umana dilaga a dismisura. Persone che diventano delle vere e proprie bestie, forti del fatto di nascondersi dietro ad uno schermo. Aggressive, offensive, ignoranti senza argomentazioni di spessore ma solo critiche gratuite condite da insulti e volgarità, sempre negative nei confronti di chiunque. Si esprimono come se avessero una morale ma sostanzialmente utilizzano i social per far esplodere la loro insofferenza, le loro frustrazioni, le loro gelosie e invidie. Preoccupa il fatto che dietro queste persone c’è chiuque: dal padre di famiglia agli studenti, dalle casalinghe ai ragazzini…
Forse il desiderio di essere ascoltati, accettati o di ricevere qualche like in più può essere un modo per sentirsi meno soli e abbandonati ma probabilmente in certi soggetti diventa linfa vitale e per ottenerli sfogano tutta la loro rabbia in odio contro tutti. E se si calcola che i contenuti più attivi sono il sesso, la violenza fisica e la morte, c’è poco da stare tranquilli.Secondo una indagine svolta dall’Osservatorio Vox delle università di Milano, Bari e Roma, le categorie più attaccate sono: Le donne, con il 63%; La comunità lgbt con il 10,8%; I migranti, con il 10%; I diversamente abili, con il 6,4%; gli ebrei con il 2,2%.Concludo con una citazione…

L’uomo civilizzato, se incitato, nella massa,
diventa un barbaro, un uomo delle caverne.


Gianluca Boffetti

Condividi

Share on facebook
Share on pinterest
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email