Rimani sempre aggiornato! - Scarica l'App di New Entry!

HIV IN EUROPA

Secondo le stime di UNAIDS, circa 2,3 milioni di persone vivono con l’HIV nella regione europea stimato di prevalenza su adulto HIV varia dal 0,1% al di sotto in alcune zone dell’Europa centrale al di sopra dell’1% in alcune zone dell’Europa orientale. Quest’ultima zona ha visto un costante aumento di infezioni da HIV dal 2000, che è in gran parte dovuto ad un aumento di infezioni eterosessuali che hanno contratto e le infezioni tra i tossicodipendenti . Il numero di casi di AIDS per 100.000 ha continuato a diminuire in Europa occidentale con il numero di stabilizzazione in Europa centrale. Questo è in gran parte a causa della diffusa disponibilità di farmaci antiretrovirali in queste regioni. 

Un totale complessivo di 379.353 infezioni da HIV sono stati diagnosticati in Europa occidentale. Questa sottostima notevolmente la cifra reale, perché non tutte le infezioni da HIV sono stati diagnosticati o segnalati. Questo in parte perché molte persone non sanno di essere infetti. Delle riportati 25.659 persone con diagnosi di HIV in Europa occidentale nel 2010:

Il 40% ha acquisito l’HIV attraverso rapporti eterosessuali;

Il 39% ha contratto l’infezione attraverso il maschio-maschio contatto sessuale;

 Il 4% ha contratto l’infezione attraverso il consumo di stupefacenti;

Il 27% erano di sesso femminile;

Il 10% erano 15 ei 24 anni di età;

 e per il 16% la trasmissione era sconosciuto. 

Il numero di casi di diagnosi di HIV è aumentato da 12.748 nel 2000 a 25.659 nel 2010. Si tratta di un aumento da 5,5 casi ogni 100.000 abitanti a 6,6. I paesi con i tassi più elevati nel 2010 sono stati il ​​Belgio (11,0) e Regno Unito (10,7).

I dati relativi al paese d’origine in cui l’infezione si sono verificati è disponibile per 23 paesi. Secondo questi dati, il 48,1% delle infezioni riportate nel 2010, originari del paese di relazione e il 18,5% è stato acquisito in Africa sub-sahariana . 

L’America Latina e il Caraibi hanno rappresentato quasi il 6,1% e in altri paesi dell’Europa occidentale rappresentavano il 3,4%. L’origine è indeterminata per il 15,1% dei casi. 

Nel 2010 ci sono stati 4.249 casi diagnosticati di AIDS segnalati nei paesi dell’Europa occidentale. I più alti tassi di diagnosi di AIDS sono stati in Portogallo (3,3 per 100.000 abitanti), Spagna (2,0) e la Svizzera (1,9). Dopo essere caduto drammaticamente alla fine del 1990 (dopo l’introduzione e l’uso diffuso di terapia antiretrovirale di combinazione ), l’incidenza dell’AIDS è diminuita costantemente dal 2001, dal 9710 al 4249 diagnosi di AIDS nel 2010. Mortalità per AIDS è diminuito anche come terapia antiretrovirale è diventato ampiamente disponibile. Molte meno persone morte di AIDS nel 2010 (1.048) rispetto al 2004 (3.707).

Ci sono stati un totale di 2478 diagnosi di HIV in Europa centrale nel 2010. 

Di queste diagnosi, il 17% era in individui tra i 15 ei 24 anni e il 19% era di sesso femminile. Di quelle infezioni in cui era conosciuta la via di trasmissione:

Il 29% sono stati esposti attraverso maschio-maschio contatto sessuale;

 Il 24% sono state acquisite attraverso rapporti eterosessuali;

4% erano dovuti all’uso di droghe iniettive; e per la via di trasmissione del 41% era sconosciuta. 

Nel 2010 ci sono stati segnalati 167 morti di AIDS in Europa centrale, rispetto a 359 nel 2004. Nel 2010 ci sono stati segnalati 90.198 infezioni di nuova diagnosi di HIV in Europa orientale, rispetto a 27.123 registrato nel 2009. Questo drammatico aumento è dovuto in gran parte alla Russia i dati dei rapporti di nuova diagnosi delle infezioni da HIV (62.581) per la prima volta. Tra le nuove diagnosi di HIV nei paesi dell’Europa orientale nel 2009 (in cui i dati sulle vie di trasmissione sono disponibili):

Il 48% sono stati acquisiti attraverso la trasmissione eterosessuale;

 43% il risultato di consumo di stupefacenti;

 0,7% sono stati acquisiti attraverso la maschio-maschio contatto sessuale;

13% è stato di età compresa tra 15-24 anni;

Il 42% erano di sesso femminile; 

e per il 6% la trasmissione era sconosciuto. 

Oltre alla Russia, gli alti tassi di HIV sono stati riportati in Ucraina (36,4 per 100.000 abitanti), Estonia (27,8 per 100.000 abitanti) e la Moldavia (19,7 per 100.000 abitanti), nel 2010. Tassi di nuova diagnosi di infezione da HIV sono generalmente diminuiti in Estonia, ma in Armenia, Georgia, Kirghizistan, Tagikistan e tariffe sono notevolmente aumentati dal 2001. 

 

Condividi

Share on facebook
Share on pinterest
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email