Rimani sempre aggiornato! - Scarica l'App di New Entry!

HERMANN HESSE

Non basta disprezzare la guerra, la tecnica, la febbre del denaro, il nazionalismo. Bisogna sostituire agli idoli del nostro tempo un credo. È quel che ho sempre fatto: nel Lupo della steppa sono Mozart, gli immortali e il teatro magico; nel Demian e in Siddhartha gli stessi valori, solo con nomi diversi.»


(Hermann Hesse, dal libro di poesie Crisi: pagine da un diario)

Hermann Hesse (Calw, 2 luglio 1877 – Montagnola, 9 agosto 1962) è stato uno scrittore, poeta, aforista, filosofo e pittore tedesco naturalizzato svizzero, insignito del premio Nobel per la letteratura nel 1946. La sua produzione, in versi e in prosa, è vastissima e conta quindici raccolte di poesie e trentadue tra romanzi e raccolte di racconti. I suoi romanzi più famosi sono Peter Camenzind (1904), Gertrud (1910), Demian (1919), Siddhartha (1922), Il lupo della steppa (1927), Narciso e Boccadoro (1930) e Il giuoco delle perle di vetro (1943). I suoi lavori rispecchiano il suo interesse per l’esistenzialismo (in particolare Schopenhauer, Nietzsche e Heidegger), lo spiritualismo, il misticismo, non meno della filosofia orientale, specialmente indù e buddhista.
Negli anni ‘60, ispirandosi alla sua critica al consumismo e al capitalismo americano, fu proprio negli Stati Uniti che Hesse divenne un autore di grido, dopo la sua morte, tra i giovani pacifisti e hippie, che rifiutavano la guerra del Vietnam e la materialità della società occidentale, ma anche il comunismo sovietico. Assieme a Thomas Mann e Stefan Zweig, Hesse è lo scrittore di lingua tedesca del XX secolo più letto nel mondo, tradotto in più di 60 lingue e con circa 150 milioni di copie vendute in tutto il mondo.
Lo scrittore è stato citato nella canzone Canzone dell’Irlanda occidentale del gruppo folk punk Rein.
Il suo celebre aforisma è: “Anche un orologio fermo segna l’ora giusta due volte al giorno”.

Dal romanzo: “Narciso e Boccadoro”
«Noi due caro amico
siamo come il sole e la luna,
o il mare e la terra.
La nostra meta
non è di trasformarci l’uno nell’altro,
ma di conoscerci l’un l’altro
ed imparare a vedere
e a rispettare nell’altro ciò che egli è:
il nostro opposto e il nostro complemento.»
Hermann Hesse

Condividi

Share on facebook
Share on pinterest
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email