Rimani sempre aggiornato! - Scarica l'App di New Entry!

Fino all’ultimo respiro…

Affiorano in superficie come organza nera sul cuore, vicoli senza luce e lì ..dove muore il giorno d’un tempo ormai rappreso, s’inchiodano le ore Trine appesa in balìa dal vento è il mio silenzio e dentro ad un tramonto già scheggiato dove tutto resta in ombra disperdo con le mani protese come ventagli aperti nuvole d’amore che toccan la tua essenza Vago muta ai margini di quel confine come un vagabondo senza meta tra gli ultimi raggi di un sole che scompare annusando il profumo dai contorni del cielo Respiro quel che resta dei pensieri racchiudendolo con gli occhi in scatole d’avorio e fino all’ultimo batter di ciglia dentro a sguardi deserti e forme senza nome scorreran dalle guance al cuore M’avvolgo con lenzuola d’ambra in riverberi lontani imbavagliando l’urlo che freme soffocato giù in gola.. Rosa L. da Gottolengo (Bs)

Condividi

Share on facebook
Share on pinterest
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email