Rimani sempre aggiornato! - Scarica l'App di New Entry!

Eco-Bonus 2019-2022

Gentili lettori, per questo ultimo articolo 2018 non possiamo non parlare dei tanto attesi eco-bonus sull’acquisto di auto elettriche che il Governo ha appena inserito nella manovra.
Partiamo dai fatti: su un conto “ad hoc” del Ministero dello Sviluppo verranno collocati 300 milioni l’anno dal 2019 al 2022, questo il costo dell’operazione.
Scendendo nel concreto, a partire dal 1 Gennaio 2019 fino al 31 dicembre 2022, chi acquisterà auto ibride, elettriche o auto di piccole dimensioni a metano o diesel, si vedrà riconosciuto un incentivo da 1.500€ fino a 6.000€ sotto forma di sconto sul prezzo di listino, che verrà poi rimborsato al venditore da parte delle aziende costruttrici o produttrici e lo recuperano come credito d’imposta.
Non solo “eco-bonus” ma anche “eco-malus” per chi acquisterà veicoli inquinanti: la manovra infatti prevede un’imposta a carico di chi acquista, anche in “locazione finanziaria” (in leasing) ed immatricola in Italia un veicolo nuovo di categoria M1 (veicolo a motore destinato al trasporto di persone, avente al massimo otto posti a sedere oltre al sedile del conducente) che superi la soglia di 110Co2 gr/Km (limite parametrato su 9 fasce di emissione).
L’eco-malus si attesterà tra i 150€ ed i 3.000€.
(FONTE Tabella: Il Sole 24 Ore – 6/12/2018)
Gli eco-incentivi alla mobilità sostenibile, così come pensati dal Governo, non avranno nessuna utilità, se non quella di rendere la mobilità elettrica un settore percepito come elitario e “da snob”. Sono anni (gli ultimi eco-incentivi per la mobilità sostenibile risalgono al 2014 e durarono pochi mesi) che aspettiamo una nuova iniziativa di incentivo all’acquisto per i veicoli elettrici. Finalmente arrivano e..?
Ed ecco la delusione: incentivi solo sulle auto elettriche.
L’esigenza di mobilità sostenibile diventa utile e concreta nel momento in cui si parla di spostamenti urbani; proprio quegli spostamenti che con un veicolo elettrico come la e-bike e/o e-moto consentirebbero, finalmente, di dare un’alternativa concreta all’utilizzo dell’automobile.
Parliamo poi di numeri: se consideriamo che il mercato delle e-bikes in Germania si aggira intorno ai 3 miliardi di euro (considerando solo le vendite, lasciando stare l’indotto) e che le e-bikes vendute in Italia sono circa 150.000, si può facilmente intuire che questo mercato da noi è davvero da sviluppare e far crescere.
Ora passiamo alla realtà: le auto elettriche (quelle oggetto dei nuovi eco-incentivi) vendute in Italia sono poche centinaia e di queste una gran parte è venduta alle Pubbliche Amministrazioni. Siamo davvero convinti che sia corretto finanziare le auto e non promuovere le e-bikes e e-moto?
Insomma, vogliamo davvero cambiare il volto delle città d’Italia e di Bergamo allora dobbiamo incominciare a cambiare le nostre semplici abitudini e provare a fare i conti, quelli che si fanno in famiglia tutti i giorni e ogni mese; con i mezzi elettrici i conti migliorano, si fa economia sulla ricarica, sulla manutenzione, sui bolli e assicurazioni; sarà chiaro a tutti che le e-bikes e le e-moto sono sempre più convenienti e fanno bene al mondo e alla propria salute. Se aumenteremo di numero saremo più visibili e così le nostre esigenze agli occhi di chi gestisce il territorio della nostra bellissima nazione. Voi cosa ne pensate?
Future

Condividi

Share on facebook
Share on pinterest
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email