Rimani sempre aggiornato! - Scarica l'App di New Entry!

DITTA INDIVIDUALE O SOCIETA’?

IVA: nel 2010 l’evasione in Italia ha toccato il 22%. Uno studio europeo evidenzia anche l’aumento del gettito rispetto al 2009. L’Iva Italiana nel 2010 è di quasi 115 miliardi di euro ma mancano all’appello, secondo i calcoli del PWC per Bruxelles, quasi 29 miliardi. In Europa solo Grecia Slovacchia e Ungheria fanno peggio di noi. In tutti i paesi europei il gettito è in costante ascesa Manovra di Ferragosto e studi di settore: stretta sull’esenzione dagli accertamenti induttivi Il DL 138/2011 richiede la congruità agli studi di settore per due anni consecutivi per bloccare gli accertamenti analitico-induttivi Con il decreto 138/2011 la Manovra di Ferragosto modifica la possibilità di essere esclusi dagli accertamenti basati di presunzioni semplici. Il beneficio sarà previsto d’ora in poi solo quando il contribuente risulti congruo ai risultati richiesti dal software Gerico non solo nell’anno di riferimento ma anche nell’anno precedente. Fonte: Il Sole 24 Ore APPROFONDIMENTO Ditta individuale o società? Chi decide di mettersi in proprio aprendo una partita iva deve innanzitutto individuare se l’attività che andrà a svolgere rientrerà nell’ambito del lavoro autonomo o nell’ambito dell’esercizio d’impresa. Con attività di lavoro autonomo, si intendono sia quelle attività giuridicamente tutelate previa iscrizione in apposito albi od elenchi(avvocati,medici,ingegneri,architetti,etc.) sia quelle attività che rientrano comunque nelle prestazioni di opera intellettuale senza vincoli di subordinazione (consulenti immobiliari, traduttori,etc.). Con attività d’impresa ci si intendono tutte quelle attività aventi ad oggetto la produzione o lo scambio di beni o servizi. Ai fini dell’iscrizione nei vari enti (cciaa,inps) si dovrà individuare poi se si diventerà commercianti (attività diretta allo scambio di beni), artigiani (attività diretta produzione di beni) o di attività diretta alla produzione di servizi. Un ulteriore passo sarà quello di decidere se svolgere l’attività sottoforma di impresa individuale o società (che a loro volta si distinguono in società di persone e in società di capitali). In linea di massima, a seconda che l’attività venga svolta da uno o piu’ soggetti persone fisiche, ci si dovrà indirizzare rispettivamente verso imprese individuali o verso forme societarie più o meno complesse.

Condividi

Share on facebook
Share on pinterest
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email