Rimani sempre aggiornato! - Scarica l'App di New Entry!

Carla Chan e la pietra azzurra

Personaggi :
•Carla  Chan : la figlia drago del defunto Re Kron III e della defun-ta Regina San; età, 322 anni; località di nascita, pianeta di Atlantide; data di nascita, 3756 d.C.
•Cristalide: fatina e aiutante di Carla Chan.
•Principe Bombo: Bo per gli amici, fratello di Carla Chan.
•Furius: comandante dei Blatteri, scorpioni malefici.
•Sacerdotessa Vuldiria: presiede con le sue ancelle ai Riti nel Tempio sulla  montagna.
•Genitori terrestri di Carla: il padre Enzo , la madre Maria Elena (Mimì).
•Principe Cordel: amico del principe Bombo, è un centauro   che  vive nel pianeta  Fresius  confinante  con Atlantide.
•Re Georgius: tiranno del Pianeta Sterminium, ha dato fuoco al castello di Atlantide causando la morte dei genitori di Carla.
•Mastro Sigufildo : guardiano di Atlantide.

Parole, parole, parole cosa ne è stato delle parole, dove sono sparite?
Chi le ha trovate me le riporti qui prego, prima che io muoia, che non esisti più e amen… !
Cristalideeee?!? Piano, mi fai male, non tirare, mondo Paperino! Chi è Cristalide? Da dove è uscita qualcuno dirà… ?!?
Beh ecco, si è aperta la porticina nascosta dell’albero dove sono nata ed una mano ha lasciato sul mio  lettino di bimba appena nata Cristalide, dono di cristallo. Così diceva la mamma quando facevo i capricci per addormentarmi e mi raccontava questa storia….
Si, me la ricordo da sempre, Cristalide, dolce fatina! “STORIA… eh,eh,eh!”
Bene, abbiamo una parola, la prima parola e dopo? Guardo Cristalide attentamente mentre mi vola intorno alla testa per sistemarmi i capelli e mi sento morire: ce la farò entro la dodicesima ora a scrivere duemila parole?
Sono arrivata a 01…  dai continuiamo, andiamo avanti! Davanti a me il buio, il vuoto, ahhhhh, il nero vuoto direi, il terrore che mi prende e non mi lascia più.
Un incubo direi, non sono mai riuscita a scrivere duemila parole tutte insieme nemmeno in un anno, figuriamoci in una volta sola.
Ma è un compito che devo finire se voglio  superare l’esame e accedere al livello superiore.
Mastro Sigufildo non ha avuto proprio pietà di me: Cristalide mi guarda fisso, fatina trasparente dentro a una coppa di cristallo, mi sorride e mi schiaccia l’occhio  novella Trilly ma io non sono Peter Pan… o si?!!
Beh proprio Peter Pan non direi piuttosto Carla Chan e con i piedi per terra questo è certo. L’ombra non la perdo io.
Nome: Carla. Cognome: Chan. Figlia del defunto Re Kron III e della defunta Regina San. Età: 322 anni. Località di nascita:  pianeta di Atlantide. Data di nascita: 3756 d.C.
Cristalide è la mia tuttofare, pulisce, insomma si arrangia, cucina e va a raccogliere frutta ed erbe nella Foresta Sacra delle Lame dorate, colpita dal Sole ogni mattina. Ed è proprio all’alba che lei esce mentre io dormo nel mio albero. “Cristalideeeee… dove sei?”
Mi alzo, metto una coperta ed esco fuori. Fa freddo, si gela direi! Ehi, ma quello è Bombo!
“Bo, cosa ci fa qui a quest’ora?”
“Carla torna a dormire, fa freddo! “
“Bo giù, sento odore di guai.”
“Perché non sei venuta alla riunione ieri?
Mastro Sigufildo ha già deciso: devi andare via da qui. Il tempo è arrivato per te di essere trasferita su un altro pianeta.”
Pianeta, trasferita e le mie duemila parole?
“Perché Bo, perché?”
“Rischi la vita qui Carla, farai la stessa fine di mamma e papà se non sparisci.”
“Ma chi l’ha deciso questo? Tu Bo?”
“Il Guardiano ha deciso così, Mastro Sigufildo, non c’è più tempo… credimi!
Preparati, ti aiuterò io. Sono stato inviato qui per accompagnarti fuori.”“Fuori dove?
Perderò tutti i miei anni, la memoria, chi sarò, dove andrò? E Cristalide? Che ne sarà di lei? Non la lascio qui Bombo!”
“Ti farà recuperare la memoria e gli anni quando sarà arrivato il tempo di trovare la Pietra. Tu ci aiuterai. Ascolta… il Rito sta per  iniziare. E’ meglio andare.”
Ahhhhh! Cristalideeeeee! Che ne sarà di me, senza di te. Non dimenticarti di me fratellino e vieni a prendermi presto. Addio!
“Corri corri Carla presto, il tempo sta per finire.” Ecco che inizia il Rito, la Sacerdotessa Vuldiria e le sue ancelle sono già nel tempio sulla  Montagna sacra.
Le sento: << Torna nel mondo Luce celeste, illumina la Via, taglia la tenebra, apri la Porta, rischiara il passaggio, indica la strada, fino al Pianeta della Libertà! >>
Addio Atlantide, ma ritornerò un giorno, io Principessa  Carla Chan, per i Santi Numi tornerò! Il Fuoco si innalza, il Rito sta per finire, che si compi il volere dell’Universo:
<< Principessa presto sarai in una nuova casa. Con nuovi genitori, in un nuovo Pianeta. Vivrai una nuova vita senza memoria del passato.
Fino al giorno descritto sulla Sacra Pietra.
Allora e solo allora ricorderai lo scopo della tua Missione e il perché di tutto.  L’Universo ha deciso così per te. Buon viaggio Principessa Carla! >> “Salta Carla, ora.”
“Uno, due e tre… arrivederci!”
Saltai: il fuoco mi impediva la vista, tutto era buio intorno a me ma vedevo una luce azzurra in lontananza e mi sentivo trasportata a una velocità incredibile verso la mia nuova destinazione, il Pianeta Terra!

“Carla, sveglia piccola? “
Dove sono?  Ho fatto un sogno strano. Saltavo dentro a un buco e non ero da sola. Sentivo accanto a me una presenza amica si, un ragazzo.
“Mamma?!”
“Carla preparati subito. Tuo padre deve correre in ufficio e non ha molto tempo. Ti lascerà vicino la scuola.”
Mi sento stanca come dopo un viaggio, mondo paperino! Oggi la prof. interroga e io non so nulla. Da piangere, non mi piace andare a scuola! “Papà lasciami qui, voglio fare due passi e sono in anticipo…”
“Scusami zucchero ma ho una conferenza oggi e  parteciperà il capo sezione: sarò io a parlare con i giornalisti. Tu capisci, è da un anno che ci prepariamo all’evento. E sento odore di promozione…. Te lo immagini Carla, il tuo papà capoufficio.”
“Si, si, papà sono contenta anch’io.
Ci vediamo stasera, ehm, in bocca al lupo.”
Crepi, grazie Carla. Buona scuola!
Voglio arrivare fino a quell’albero vicino al laghetto del parco. Mi piace guardarlo con i suoi rami e le foglie che si riflettono sull’acqua. Mi rilassa… è come essere a casa!
Casa? Ma che dico… è questa la mia casa!
Che nebbia! La nebbia in Primavera?
Qui non c’è mai stata! E’ strana, strana: puah che puzza…. di gas, mamma mia  non riesco a respirare. Aria, aria, aiuto! La voce non esce. Aiutoooo! Mettile subito la maschera, veloce. Carla sveglia. Carlaaa apri gli occhi.
Bo?!? Sei tu? E Cristalide dov’è?
Carla ben ritrovata. Cristalide ti sta passando le informazioni che la tua memoria aveva perso nel viaggio. La tua piccola amica ti starà accanto fino al compimento della tua missione.
Solo allora sarà confermato il  tuo ritorno sul pianeta Atlantide.”
E tu Bo? Mi sembra di aver dormito fino ad ora. Ma chi sono? Una ragazzina? Che aspetto ho? Cristalide presto voglio uno specchio.
Dove sono le mie ali? Awwww! E la mia coda? Bo dove è finita la mia coda?
Non ci pensare. Credimi riprenderai il tuo aspetto originario quando  torneremo a casa. Tutto dipende da te ora, la vita su Atlantide è nelle tue mani. Non ci deludere principessa!!!

Fine 1^ Parte
Daniela Zacco

Condividi

Share on facebook
Share on pinterest
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email