Rimani sempre aggiornato! - Scarica l'App di New Entry!

ANNO 2005: mese di luglio

12 luglio Gran Bretagna: identificati gli attentatori: sono 4 giovani di Leeds di origine pakistana. Israele: a Netanya un attentatore suicida palestinese si fa saltare in un centro commerciale provocando 4 morti. Beirut: un’autobomba ferisce il ministro della Difesa, il filo-siriano Elias Murr; morti 2 agenti della scorta. Barcellona: esplode una bomba all’Istituto culturale Italiano; muore un cane poliziotto, ferito un artificiere. Si segue la pista anarchica. 13 luglio Italia: perquisizioni anti-terrorismo portano a 174 fermi di polizia Baghdad: autobomba contro dei bambini in fila per ricevere caramelle dai soldati statunitensi; 27 morti. 14 luglio Londra: gli investigatori giungono alla conclusione che l’attentato è stato organizzato da Al Qaeda. Spunta fra gli organizzatori una nuova persona: un inglese di origine giamaicana. Nassiriya: l’alpino Davide Casagrande muore in un incidente stradale. Kenya: assassinato monsignor Luigi Locati, vescovo di Isiolo. Gli assassini sono arrestati il giorno dopo. Kenya: in uno scontro tribale a Turbi per il controllo dell’acqua muoiono 76 persone. 15 luglio Egitto: arrestato il mandante dell’attentato di Londra del 7 luglio. L’attacco alla capitale britannica è stato progettato in Pakistan. Baghdad: fallisce un attentato con autobomba al presidente iracheno Jalal Talabani; muoiono 3 guardie del corpo. Iraq: 20 morti in tre diversi attentati nel Paese. Barcellona: bomba contro concessionario d’auto italiano; nessun danno grave. 16 luglio Turchia: attentato contro un minibus nel centro turistico di Kusadasi; si contano 5 morti, sospettato il Partito dei Lavoratori del Kurdistan Iraq: un attentato alla moschea sciita di Musayb provoca 100 morti; ad Amarah vengono uccisi tre soldati britannici. 17 luglio Londra: identificato il corpo di Benedetta Ciaccia, l’italiana morta nell’attentato del 7 luglio. Afghanistan: arrestato uno dei presunti rapitori di Clementina Cantoni. Guinea Equatoriale: precipita un aereo in un volo interno al Paese, 55 morti. Islamabad: uccisi 17 militanti islamici di origine straniera. Roma: il Governo riduce del 15% gli uomini destinati alle scorte per fronteggiare il terrorismo. Israele: i palestinesi lanciano colpi di mortaio contro gli insediamenti ebraici nel Negev e su Sderot. Ariel Sharon reagisce schierando l’esercito al confine con la striscia di Gaza. 18 luglio Milano: secondo una sentenza del giudice Luigi Cerqua l’attentato di Nassiriya non è un atto di terrorismo ma di resistenza. Israele: una manifestazione di 15000 persone a Netivot contro lo sgombero delle colonie ebraiche viene fermata dalla polizia. Genova: 80 bagnanti restano intossicati, probabilmente da un’alga tossica. 19 luglio Baghdad: attacco agli esponenti sunniti al lavoro sulla Costituente; si contano 3 morti. Per protesta il giorno seguente i sunniti lasciano i lavori sulla Costituente stessa. Abano Terme: una rapina ad una gioielleria termina con la morte del proprietario e di un bandito. Si cercano i rapinatori rom nei campi nomadi; uno dei malviventi era stato scarcerato da 4 giorni. Napoli: 17enne accoltellata e gravemente ferita da coetanei per un tamponamento in scooter. 20 luglio Pakistan: 200 arresti per terrorismo nelle indagini connesse all’attentato a Londra del 7 luglio. Indonesia: 3 morti per un virus dei polli, si teme l’estensione dell’epidemia. Kosovo: fallito attentato all’Alto rappresentante Ue per la politica estera, Javier Solana. I soldati NATO disinnescano una bomba prima del suo passaggio. 21 luglio Londra: si verificano 4 esplosioni contemporanee nelle stazioni della metropolitana Warren Street, Oval e Sheperd’s Bush e a bordo dell’autobus 26, ma non provocano nessun danno. La metropolitana viene evacuata e bloccata, mentre le teste di cuoio fanno irruzione nello University College Hospital e arrestano l’attentatore, unico ferito nell’esplosione. Roma: arrestati due algerini con documenti falsi; sono sospettati di progettare un attentato al Vaticano. 22 luglio Londra: la polizia uccide un presunto terrorista, ma si scoprirà che era un elettricista brasiliano, non aveva esplosivo addosso ed era totalmente estraneo alle stragi. Vengono diffusi 4 identikit di terroristi; un uomo viene arrestato a Stockwell. Yemen: negli scontri scoppiati per l’aumento del prezzo della benzina muoiono almeno 39 persone. Valle d’Aosta: precipita un aereo da turismo, 4 morti. 23 luglio Sharm el-Sheikh: attentato di al-Qa’ida con cinque esplosioni negli hotel e al mercato; si contano 90 morti (fra questi ci sono 6 italiani) e 200 feriti. Israele offre aiuto all’Egitto. Il ministro degli Esteri egiziano parla di un collegamento con l’attentato di Taba del 7 ottobre 2004. Nella penisola del Sinai vengono arrestati 35 sospetti. In Italia molti rinunciano alle vacanze nella località egiziana temendo nuovi attacchi, mentre altri aerei non partono. Secondo un ufficiale egiziano l’obiettivo dell’attentato erano gli italiani. Catanzaro: la mafia minaccia di morte Agazio Loiero, presidente della Calabria Acerra: secondo molti fedeli una statua della Madonna si sarebbe mossa. 26 luglio Italia: un decreto del Governo attribuisce poteri di polizia all’esercito contro il terrorismo. Monte Bianco: 13 condanne e 3 assoluzioni nel processo sul disastro avvenuto nel tunnel il 24 marzo 1999, in cui morirono 39 persone. Niger: una carestia mette a rischio 1,3 milioni di persone. •28 luglio Londra: 9 uomini arrestati in relazione agli attentati del 21 luglio. India: alluvioni provocano frane e 245 morti. Baghdad: una bomba uccide 2 soldati statunitensi.

Condividi

Share on facebook
Share on pinterest
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email