Rimani sempre aggiornato! - Scarica l'App di New Entry!

10 FEBBRAIO: GIORNATA NAZIONALE DEL RICORDO

Le foibe sono cavità carsiche di origine naturale con un ingresso a strapiombo. È in quelle voragini dell’Istria che fra il 1943 e il 1947 sono gettati, vivi e morti, quasi diecimila italiani. La prima ondata di violenza esplode subito dopo la firma dell’armistizio dell’8 settembre 1943: in Istria e in Dalmazia i partigiani slavi si vendicano contro i fascisti e gli italiani non comunisti. Torturano, massacrano, affamano e poi gettano nelle foibe circa un migliaio di persone. Li considerano “nemici del popolo”. Ma la violenza aumenta nella primavera del 1945, quando la Jugoslavia occupa Trieste, Gorizia e l’Istria. Le truppe del Maresciallo Tito si scatenano contro gli italiani. A cadere dentro le foibe ci sono fascisti, cattolici, liberaldemocratici, socialisti, uomini di chiesa, donne, anziani e bambini.

Il 10 febbraio del 2005, il Parlamento italiano ha deciso di dedicare la giornata del ricordo ai morti nelle foibe. Inizia nel giorno di oggi l’elaborazione di una delle pagine più angoscianti della nostra storia.

“Per troppo tempo le sofferenze patite dagli italiani giuliano-dalmati con la tragedia delle foibe e dell’esodo hanno costituito una pagina strappata nel libro della nostra storia”

Sergio Mattarella

Sabato 13 febbraio, il Comune di Remedello, in collaborazione con la Biblioteca e l’Istituto Comprensivo, organizza un momento di riflessione rivolto alle classi della terza media per ricordare questa tragedia.
(Evento organizzato via web, in ottemperanza alle norme anti Covid)
Si ringraziano il dirigente scolastico Prof M.Iammarino, le insegnanti e la dott.ssa Valentina Tosi della biblioteca per la costante attenzione all’organizzazione di questi importanti eventi.

Condividi

Share on facebook
Share on pinterest
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email